Crolla ancora a Febbraio il consumo di petrolio e dei carburanti
consumo petrolio italia
I consumi petroliferi italiani a Febbraio 2013 subiscono un ulteriore massiccia diminuzione.

I consumi petroliferi italiani nel mese di febbraio 2013 sono ammontati a circa 4,7 milioni di tonnellate, con una diminuzione pari all’8,7% (‐ 443.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2012.

I prodotti autotrazione, con un giorno di consegna in meno, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un aumento pari al 3,8% (+21.000 tonnellate) rispetto a febbraio 2012 ‐ mese anomalo caratterizzato da forti nevicate e dal blocco di molte attività (la benzina segnò un ‐20%) ‐ mentre il gasolio autotrazione un calo del 2,1% (‐36.000 tonnellate).

La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di febbraio è così risultata pari a circa 2,3 milioni di tonnellate, di cui 0,6 milioni di tonnellate di benzina e 1,7 di gasolio autotrazione, con un decremento dello 0,7% (‐15.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2012.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono diminuite del 17,3% con quelle diesel che hanno rappresentato il 54,3% del totale (era il 55,8% nel febbraio 2012).

Nel primo bimestre 2013, i consumi sono stati pari a circa 9,4 milioni di tonnellate, con un calo del 9,6% (‐999.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2012.

La benzina, nel periodo considerato ha mostrato una flessione del 5,9% (‐74.000), il gasolio del 3,8% (‐134.000).

Nei primi due mesi del 2013 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), evidenzia un regresso del 4,3% (‐208.000 tonnellate).

Nello stesso periodo le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in diminuzione del 17,3%, con quelle diesel a coprire il 53,4% del totale (era il 55,5 nei primi due mesi del 2012).

Nel primo bimestre 2013 il gettito fiscale stimato dei carburanti è risultato in diminuzione di circa 70 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012 (‐1,2%).


Roma, 14 marzo 2013 – Comunicato stampa dell'Unione Petrolifera

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS