Alaska, caccia al pertolio: Shell rinuncia alle trivellazioni per tutto il 2013

artic pole fracking shell stop for the 2013Lo sforzo di dare agli Stati Uniti una nuova fonte di petrolio nazionale ha subito una battuta d'arresto ieri, quando la Royal Dutch Shell PLC ha annunciato che sospenderà le perforazioni offshore di petrolio nel Mar Glaciale Artico per il 2013. Mentre la sua attività, l'anno scorso, ha coinvolto il Mare Chukchi al largo della costa nord-occidentale dell'Alaska e il Mare di Beaufort, a Nord. Lo scrive Huffington Post.

Il presidente di Shell, Marvin Odum, ha spiegato che la società ha deciso di prendersi una "pausa" nelle trivellazioni per preparare le attrezzature e le navi per il prosieguo in futuro. "Abbiamo fatto progressi in Alaska, ma si tratta di un programma a lungo termine che stiamo perseguendo in modo sicuro e misurato", ha spiegato. Per poi aggiungere: "La decisione di fare una pausa nel 2013 ci darà tempo di garantire la disponibilità di tutte le nostre attrezzature e delle persone che hanno lavorato con noi l'anno scorso".

I gruppi ambientalisti si oppongono aspramente alla perforazione artica, perché è a rischio il ricco ecosistema che ospita le balene in via di estinzione, gli orsi polari, i trichechi e le foche. A maggior ragione perché la zona viene continuamente martellata dai cambiamenti climatici, con il ghiaccio marino che in estate continua a sciogliersi a ritmi record. Le associazioni, poi, insistono sul fatto che le compagnie petrolifere non hanno dimostrato la capacità di ripulire una fuoriuscita di petrolio nelle acque ostruite dal ghiaccio.

"Questa è la prima decisione buona che abbiamo visto da Shell", ha dichiarato Mike LeVine, portavoce dell'Alaska per il gruppo ambientalista Oceana. "Data la disastrosa stagione del 2012, le nostre agenzie governative devono approfittare di questa occasione per rivedere il modo in cui vengono prese le decisioni sulle nostre risorse marine e di riconsiderare l'impegno per la trivellazione di petrolio nel Mar Glaciale Artico".


FONTE | Huffington Post

VIA | Nelcuore

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS