Sanificare in continuo il coronavirus: ogni ritardo è un delitto!

Dovrebbero essere utilizzati sempre a prescindere dalle situazioni contingenti e tragiche di questi momenti che stanno portando un rischio altissimo per la sopravvivenza del genere umano. Stiamo parlando dei sistemi di filtraggio, o meglio di trattamento dell’aria che respiriamo, che in queste situazioni diventa non elemento di vitalità ma un rischio assoluto di contagio, vuoi per scelta, vuoi per fatalità.

         #ariapulita  #areazione "Siamo sicuri della qualità dell’aria che respiriamo? Alcune riflessioni del Professor Gabbani” Click to Tweet  

L’aria in alcune apparecchiature è filtrata normalmente, la dimensione delle particelle filtrate si misura in millesimi di mm (micron), vedi climatizzatori, aeratori ecc., ma i filtri meccanici anche di ultima generazione (HEPA per esempio fino a 0,3 micron), oltre a non avere una capacità di trattenere tutte le particelle di piccolissime dimensioni (batteri, virus, funghi ecc.), hanno il problema dell’accumulo nel filtro stesso, che va cambiato prima possibile: ma quando? Il filtro diventa una colonia batterica con le conseguenze immaginabili quando malauguratamente si scaricasse nell’ambiente circostante perché carico oltre il sopportabile (vedi legionella ecc).

Oggi ci sono apparecchi in commercio, a costi anche accettabili, che distruggono o trasformano senza trattenere le particelle di dimensioni nanometriche (milionesimo di mm) e quindi non è più giustificabile non fornire i luoghi più sensibili e a rischio, in particolare come i pronto soccorso, ospedali, residenze per anziani, supermercati, negozi, e in generale aule scolastiche, luoghi di culto, cioè tutti i posti dove ci sono assembramenti di persone ecc. ove si può mitigare, o addirittura ridurre quasi a zero, il pericolo di contagio indotto ed anche i cattivi odori.

Quindi tuteliamo tutti ma soprattutto oggi gli operatori che sono in prima linea nei luoghi di trattamento dell’emergenza Covid-19.

 Vediamo alcuni di essi ed il loro funzionamento che è diverso l’uno dagli altri.

I prodotti della Società Genano, brevettati alcuni lustri orsono da una Società Finlandese, hanno una diffusione capillare nel Mondo e i risultati sono eccellenti.

Questa tecnologia (Genano Tecnology ®) brevettata si basa sulla depurazione elettronica al plasma freddo potente e senza filtri, garantendo così la sicurezza dei processi produttivi in laboratori, cliniche, camere bianche, magazzini per la logistica e in altri impianti di produzione.

Questi dispositivi impiegati in centinaia di comuni in Europa, ne garantiscono con la sua qualità, la salute e la sicurezza in edifici pubblici quali scuole, asili nido, municipi e altre strutture analoghe.

I vantaggi principali della tecnologia Genano, sono il flusso costante dell’aria che non viene ostacolato dai filtri intasati. Le prestazioni rimangono costanti nel tempo. Non utilizzando alcun tipo di filtro le unità non offrono alcun substrato per la proliferazione dei microbi. Anzi, questa tecnologia è in grado di eliminare tutti i microbi viventi, batteri e virus compresi, Inoltre offre agli utenti un altro importante vantaggio: la capacità di eliminare tutti i tipi di impurità volatili, fino alle dimensioni nanometriche. Non si tratta solo della quota percentuale di particelle eliminate, ma anche dalle dimensioni di queste che i sistemi intercettano. Le particelle ultra piccole sono tra le più pericolose, perché possono infiltrarsi nella circolazione sanguigna attraverso i polmoni.  Queste tecnologie sono in grado di creare ambienti di lavoro più salutari in diversi settori industriali, ospedalieri e negli appartamenti.

La tecnologia catalitica di abbattimento dei COV (Composti Organici Volatili) riduce l’emissione dei gas ad effetto serra. Questi gas industriali generati da numerosi processi produttivi rappresentano un serio pericolo per le persone e l’ambiente. I COV sono sostanze chimiche che rappresentano gli elementi principali dell’inquinamento dell'aria soprattutto nell’industria di processo che utilizza grandi quantità di solvente oppure produce monossido di carbonio e odori. Le emissioni di COV sono importanti gas ad effetto serra, Genano VOC è la soluzione catalitica smart ed efficiente per l’abbattimento dei COV dai gas esausti per ridurre al minimo le emissioni a effetto serra.

Ecco rappresentato la dimensione delle particelle che questi dispositivi possono neutralizzare senza trattenere in alcun filtro:

Esistono nell’orizzonte produttivo mondiale delle Società che hanno nella loro mission societaria sistemi di depurazione che utilizzano anche loro la tecnologia NTP (Non Thermal Plasma) affiancata a ionizzatori e hanno dei risultati simili e per questo possono avere un uso e una diffusione capillare

Un altro sistema, con diversa tecnologia brevettata, ma non per questo non ugualmente efficacie, è quello presente negli apparati della Società, con sede nel Regno Unito, AIRsteril®

La tecnologia dei purificatori aria molecolari ad azione fotocatalitica della linea AIRsteril® sfrutta i medesimi processi utilizzati dagli alberi per trasformare l'anidride carbonica in ossigeno attraverso la fotosintesi clorofilliana.

La fotocatalisi (questo il nome del principio chimico alla base della tecnologia) è l'azione in virtù della quale alcuni materiali semiconduttori, ad esempio il biossido di titanio (TiO2), sotto l'azione della luce solare o di una lampada UV (lunghezza d’onda da 400 a 700 nanometri), possono dar luogo a reazioni di riduzione o di ossidazione di sostanze indesiderate, presenti anche in minima quantità, con la massima efficacia.

Il processo fotocatalitico fu scoperto dal giapponese Akira Fujishima nel 1972 e venne poi messo a punto dalla NASA per essere utilizzato in luoghi in cui era strettamente necessario il mantenimento della sterilizzazione ambientale. Successivamente venne studiato e sviluppato dal Centro Ricerche di Airscience Technology International, divisione di ricerca e sviluppo da cui ha avuto luce AIRsteril®.

Da allora questa tecnologia viene utilizzata per purificare l'aria e le superfici esposte, riducendo la concentrazione di particelle inquinanti sospese, tra cui formaldeide, gas di scarico, benzene, toulene, ammoniaca, solforato di idrogeno, monossido di carbonio e protossido di azoto, tutte sostanze che purtroppo sono ormai normalmente presenti all'interno di qualunque edificio, abitazione, ai luoghi pubblici, di lavoro o di svago in cui tutti gli esseri umani si recano quotidianamente.

Fenomeni come l'inquinamento indoor o la sindrome dell'edificio malato sono ormai una realtà con la quale è necessario fare i conti.  AIRsteril® è in grado di controllare e prevenire gli effetti indesiderati dati dalla cattiva qualità dell'aria in tutti gli ambienti chiusi.

COME AVVIENE IL PROCESSO DI FOTOCATALISI IN "NATURA"

Il biossido di titanio, in presenza della luce solare riesce ad attirare e trattenere le molecole d'acqua sospese in aria sotto forma di umidità e insieme all'acqua cattura anche polveri sottili (PM10, PM5 e PM2,5), ossido di azoto e altre particelle inquinanti sospese, tra cui virus, batteri, muffe e sostanze nocive nell'ordine degli 0,001 micron, fino a farle mineralizzare e decomporre.

Per rendere ancora più efficaci questi processi, AIRsteril® unisce l'azione fotocatalitica con un'irradiazione germicida compiuta all'interno dei sanificatori d'aria e riesce a purificare l'aria contaminata presente in ambiente convertendola in una sostanza ribattezzata "Plasma Quattro", che si diffonde nell’atmosfera e successivamente si deposita su tutte le superfici esposte alla tecnologia, sanificandole e mantenendole decontaminate nell'arco del tempo.

Questa combinazione di tecnologie 100% ecologiche è in grado di preservare chiunque dal rischio di contrarre infezioni e malattie, permettendo di ridurre drasticamente l'assenteismo, impedendo la trasmissione dei più comuni virus influenzali, ma anche di far respirare aria fresca e pulita all'interno di luoghi chiusi, contrastando i problemi legati all'asma e alle allergie, eliminando completamente muffe ed acari della polvere, estirpando i cattivi odori di qualunque natura, annientandone la causa primaria e cioè la presenza di batteri e patogeni in ambiente chiuso. Uno dei casi più eclatanti, sono gli odori persistenti nelle camere mortuarie che vengono abbattuti completamente in brevissimo tempo. Inoltre, tra gli "effetti collaterali" della tecnologia AIRsteril® si nota un incremento nella durata di mobili, pellame e arredi morbidi, che non verranno più intaccati da acari e parassiti. Ed i medesimi effetti possono essere ottenuti nelle celle frigorifere, o nei luoghi adibiti allo stoccaggio e alla conservazione di generi alimentari.

Detto questo, oggi, soprattutto oggi, con l’emergenza che ci attanaglia e toglie il respiro a tutti noi, anche per la preoccupazione verso coloro che si stanno sacrificando per tamponare la pandemia e mandare avanti il Paese, queste meravigliose realtà risolverebbero i problemi della sanificazione e il mantenimento delle camere sterili e di tutti i locali chiusi, necessariamente affollati nei quali si combatte l’emergenza.

E’ noto e colpevolmente ingiustificato che la drastica riduzione delle risorse nella Sanità in generale e nella Pubblica in particolare ha provocato un problema che si è riverberato nell’emergenza Covid-19. Ma ora non esistono più scuse, dobbiamo, e ripeto dobbiamo, salvaguardare l’operato degli Eroi che per vocazione, scelta oppure obbligo, sono impegnati in prima linea per la nostra salute.

Le risorse devono essere impegnate anche nella sanificazione degli ambienti di lavoro, per fare così operare gli addetti in sicurezza e non trasmettere a loro oppure ai pazienti sani il contagio tremendo di questa pandemia.

Gli apparati ci sono, hanno un costo irrisorio rispetto al danno morale ed economico di perdite umane che poteva e doveva essere evitato.

Non indugiamo più perché ogni secondo di ritardo è un crimine………

 

Prof. Giuliano Gabbani Unifi
Resp. Scientifico di GIGA, Ecofuturo Festival
Membro di REMTECH Coast

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS