Coltorti: "L’autoconsumo collettivo: una svolta per i consumi energetici del nostro paese"

Sulla svolta relativa all'emendamento presentato dal Presidente della Commissione Industria del Senato, Gianni Girotto, l'attestazione del Presidente 8ª Commissione Lavori pubblici e comunicazioni del Senato Mauro Coltorti alla rete di Ecofuturo Festival ed al Coordinamento Nazionale FREE delle energie rinnovabili, per il grande lavoro svolto e la grande battaglia portata avanti in questi anni in un post sul suo profilo facebook. 

#autoconsumocollettivo  #comunitaenergetiche "Coltorti: "L’autoconsumo collettivo: una svolta per i consumi energetici del nostro paese"” Click to Tweet

Se l’emendamento presentato dal portavoce del Senato Gianni Pietro Girotto verrà approvato si avrà finalmente l'avvio della produzione e dell'autoconsumo collettivo di energie rinnovabili. L’autoproduzione avverrà attraverso impianti fotovoltaici sui tetti dei condomìni o agevolando la creazione delle “Comunità energetiche rinnovabili”, con impianti condivisi tra cittadini utenti abitanti in abitazioni separate. La Comunità europea ha già emanato la direttiva UE 2018/2001 ma con questo emendamento il nostro paese ne anticiperà i tempi attraverso una sperimentazione di impianti fino a 200 kW di potenza installata e con un limite temporale fino al 30 giugno 2021. In questo modo gli utenti finali di uno stesso condominio,ai quali diversamente sarebbe precluso poter avere un impianto fotovoltaico individuale, o di «comunità energetiche» potranno associarsi per diventare autoconsumatori di energia rinnovabile prodotta dai propri impianti.

Nel caso di «comunità energetiche» gli azionisti o membri sono persone fisiche, Pmi, enti territoriali o autorità locali, comprese le amministrazioni comunali ma la partecipazione non può costituire l’attività commerciale o industriale principale. Le comunità energetiche dovranno inoltre entrare in esercizio dopo che il DL Milleproroghe sarà convertito in legge. I partecipanti condivideranno l’energia prodotta utilizzando la rete di distribuzione esistente. L’energia sarà condivisa per l’autoconsumo istantaneo, che però potrà avvenire anche attraverso sistemi di accumulo a predeterminati criteri.

L’emendamento di Girotto ha accolto una petizione di oltre 35.000 firme i cui primi firmatari sono Fabio RoggiolaniJacopo Fo e Michele Dotti - EducAttore per Ecofuturo ed il Coordinamento Nazionale FREE delle energie rinnovabili. Grazie a tutti loro.

Link articolo Ecquologia

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS