Dodici passi per una nuova economia

tim jacksonIl WWF, nell'ambito del percorso “Transforming cultures” (che ha l’obiettivo di contribuire all’affermazione di una nuova cultura della sostenibilità che porti ad un cambiamento dei comportamenti di attori strategici -cittadini, aziende, istituzioni-, attraverso la creazione di una consapevolezza ambientale, sociale ed economica, incentrata sul concetto di sostenibilità e di benessere) ha recentemente incontrato l’economista Tim Jackson, Professore di sostenibilità presso l’Università del Surrey e membro della Commissione Sviluppo Sostenibile del Regno Unito, autore del libro “Prosperità senza crescita”.

Secondo Jackson è possibile sia cambiare i modelli di riferimento per lo sviluppo superando lo stereotipo della crescita che affermare l’importanza del "vivere bene" rispettando gli equilibri ecologici.

Riassumendo quanto tratteggiato dall’economista britannico Tim Jackson, possiamo indicare dodici punti chiave che devono caratterizzare una nuova economia:

 

1. Individuazione di “tetti massimi” di utilizzo delle risorse ed emissioni, e conseguenti obiettivi di riduzione

Fondamentale fissare dei “tetti” massimi per l’utilizzo delle risorse e per le emissioni prodotte, stabilendo obiettivi di riduzione. Tali “tetti”che derivano dall’analisi dei limiti ecologici, devono essere considerati in base al principio di equità per cui c’è chi dovrà inevitabilmente ridurre e quindi “scendere” e chi, invece, potrà “salire” per raggiungere il “tetto” indicato.

2. Una riforma fiscale per la sostenibilità

Interiorizzare le esternalità prodotte dalle attività economiche è un principio ormai accettato da almeno vent’anni. Dobbiamo però attivare una completa riforma fiscale ecologica, che sposti la pressione dagli elementi economici positivi (come il reddito) a quelli ecologici negativi (come l’inquinamento), tassandoli.

3. Sostegno per la transizione ecologica nei paesi in via di sviluppo

E’ evidente che per le nazioni più povere va fatto spazio alla crescita di cui hanno vitale bisogno. Tuttavia l’espansione di queste nazioni deve comportare anche l’esigenza di assicurare, da subito, che il loro sviluppo sia sostenibile e rimanga entro i limiti ecologici del pianeta e devono esserci supporti finanziari per questo.

4. Correggere il modello economico e sviluppare una macroeconomia ecologica

Un’economia fondata sull’infinita espansione dei consumi materialistici, basati a loro volta sull’indebitamento, è insostenibile dal punto di vista ecologico, problematica da quello sociale e instabile da quello economico. Per cambiare le cose occorre quindi sviluppare una nuova macroeconomia della sostenibilità. Abbiamo bisogno di un motore economico la cui stabilità non dipenda dalla continua crescita dei consumi ma dal mantenimento di buone condizioni ambientali e sociali.

5. Investire in posti di lavoro, risorse economiche e infrastrutture

Investire in questi ambiti costituirà un elemento chiave ed uno dei fondamenti di una nuova macroeconomia ecologica fatta di riqualificazione edilizia a basso impatto e basso consumo energetico, di tecnologie basate su fonti rinnovabili, di riprogettazione delle reti per la distribuzione dei servizi di pubblica utilità, in particolare l'elettricità, di infrastrutture per il trasporto pubblico, di aree pubbliche e di azioni per la salvaguardia degli ecosistemi.

Negli ultimi vent’anni la crescita economica si è basata sui consumi materiali basati sull’indebitamento e per sostenerli siamo giunti a destabilizzare la macroeconomia, contribuendo all’attuale crisi globale economico-finanziaria. E’ indispensabile attivare una riforma della regolamentazione dei mercati finanziari nazionali e internazionali. E’ importante anche applicare la cosiddetta “Tobin tax”, concepita dal premio Nobel per l’economia James Tobin, da utilizzare per limitare la mobilità del capitale in generale o per finanziare lo sviluppo dei paesi emergenti (ridistribuendo le entrate fiscali sotto forma di aiuti)

6. Aumentare la prudenza finanziaria e fiscale

7. Rivedere la contabilità nazionale

Bisogna costruire nuovi indicatori di benessere capaci di affiancare o sostituire il PIL (Prodotto Interno Lordo). Ne sono stati prodotti diversi, ora è necessario applicarli e in questo campo il WWF è molto attivo con l’iniziativa Beyond GDP (il GDP è l’acronimo inglese del PIL e sta per Gross Domestic Product) insieme alla Commissione Europea, al Parlamento Europeo, al Club di Roma e all’OCSE. I tempi sono ormai maturi per sviluppare una contabilità nazionale in grado di dare una misura più adeguata della performance economica.

8. Politiche sull’orario di lavoro

E’ necessario intervenire sulle politiche degli orari di lavoro per dare vita a un’economia sostenibile e favorire un miglior equilibrio tra vita e lavoro

9. Affrontare le ingiustizie

Le disparità di reddito hanno effetti negativi sia sulla salute individuale sia sul benessere sociale. E’ necessario affrontare queste iniquità permettendo così di ridurre i costi sociali, migliorare la qualità della vita e cambiare la dinamica dei consumi.

10. Misurare le capacità e la felicità umana

E’ necessaria una valutazione sistematica delle capacità di essere felici che hanno le persone nei diversi segmenti demografici.

11. Rafforzare il capitale sociale

E’ importante creare comunità sociali resilienti e resistenti, più che mai necessarie di fronte agli shock economici. La forza della comunità può fare la differenza tra disastro e trionfo rispetto ai tracolli economici. Sono necessarie politiche per aumentare il capitale sociale e rafforzare le comunità.

12. Smantellare la cultura del consumismo

Il consumismo in parte si è sviluppato come mezzo per proteggere la crescita economica basata sui consumi e la cultura consumistica è trasmessa da istituzioni, media, norme sociali e da una pletora di segnali, velati o meno, che incoraggiano la gente a esprimersi, cercare un’identità e trovare il significato della propria vita attraverso beni materiali. Dipanare la cultura del consumismo e cambiare la sua logica sociale richiederà uno sforzo consistente e metodico, quanto quello che in passato ci ha permesso di consolidare questo modello. È importante notare però che non si tratterà solo di una serie di rinunce: si dovranno offrire alle persone anche alternative realistiche allo stile di vita consumistico, incrementando la loro capacità di essere felici in modi meno materialistici.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS