Agricoltura: erbicida roundup Monsanto distrugge testosterone e provoca sterilià maschile

diserbante monsanto round up pericolo per la saluteUn recente studio pubblicato sul Journal of Toxicology in Vitro ha scoperto che, anche a livelli molto bassi, la formula erbicida Roundup della Monsanto distrugge il testosterone e alla fine porta alla sterilità maschile. I risultati si aggiungono alle oltre 25 altre malattie note per essere collegate al Roundup, che comprendono il danno al DNA, difetti di nascita, disfunzione epatica, e il cancro.

Per il loro studio, Emilie Clair ed i suoi colleghi della Université de Caen Basse-Normandie Istituto di Biologia in Francia ha testato gli effetti del glifosato, il principio attivo di Roundup sulle cellule testicolari da ratti. Che vanno in diluizione da una parte per milione (ppm) a 10.000 ppm, che rappresenta diversi livelli di esposizione a situazioni di vita reale, ognuno dei test hanno evidenziato tossicità innegabile cellulare causato da Roundup. È interessante notare che i risultati hanno rivelato che anche a uno ppm, Roundup è stato responsabile di causare gravi perturbazioni del sistema endocrino che ha ridotto i livelli di testosterone del 35 per cento.

E un livello di esposizione ppm è considerato estremamente basso, e molto inferiori ai livelli di esposizione tipici di tutti i giorni situazioni ambientali. A livelli di esposizione più elevati, Roundup ha dimostrato di indurre la morte delle cellule del testicolo in poco tempo, come un’ora, e in genere non oltre 48 ore dopo l’esposizione. E questo è solo la tossicità acuta, come lo studio non ha analizzato gli effetti a lungo termine di esposizione continua e ripetuta al Roundup, che ha già dimostrato di penetrare nei fiumi e nelle falde freatiche. Uno studio simile pubblicato sulla rivista Toxicology indietro riproduttiva nel 2007 ha rilevato risultati simili. Nel test in vivo con Roundup rivelato che le anatre esposti a Roundup esposto “alterazioni nella struttura della regione testicolo e dell’epididimo (una parte del sistema riproduttivo maschile) nonché nei livelli sierici di testosterone e estradiolo, con cambiamenti nell’espressione dei recettori degli androgeni limitato al testicolo “.

Quindi, contrariamente a quanto asserito da Monsanto, non c’è davvero nessun livello sicuro di esposizione al Roundup. A livelli di esposizione tipici, è stato dimostrato per distruggere le cellule umane e causare gravi danni al sistema riproduttivo. E a livello di tracce, è stato dimostrato per disturbare gravemente una corretta funzione ormonale e portare a bassi livelli di testosterone negli uomini. “Perché è un pesticida sistemico e spruzzato in dosi elevate, produrre e alberi da frutta e noci spesso prendere il veleno nelle parti del cibo che mangiamo”, scrive Leah Zerbe in una recente news su Rodale Roundup. “Tre semplici modi per ridurre l’esposizione? Mangiare cibi provenienti da agricoltura biologica … [a] dopt organici tecniche di cura del prato nel vostro giardino, e avviare un orto biologico per ridurre ulteriormente l’esposizione a sostanze chimiche nocive. ”

 

VIA ! Agenzia Parlamentare

 

Segui le notizie di Ecquologia! 

facebook ecquologia official page

Oggi la giustizia russa ha accusato di teppismo/vandalismo (o meglio di hooliganismo, nemmeno fossero ultras della Dinamo Mosca)  26 membri dell’equipaggio su 30 della nave di Greenpeace  Arctic Sunrise. Lo ha confermato a Ria Novosti Mikhail Kreindlin, l’avocato russo messo a disposizione dei suoi attivisti da Greenpeace.  Ieri anche all’attivista italiano Cristian D’Alessandro è stata formalizzata l’accusa di vandalismo.

«Le accuse sono state portate contro altre 9 persone , portando a 26 il numero dei membri dell’equipaggio incolpati di questo delitto», ha spiegato Kreindlin, sottolineando che l’accusa non ha ritirato ancora le accuse di pirateria che pesano  sui militanti ambientalisti, arrestati il 18 settembre dalla Guardia costiera di frontiera russa mentre tentavano di scalare una piattaforma petrolifera di Gazprom nel Mar della Pecora.

Secondo il Comitato d’inchiesta russo il comportamento dei militanti di Greenpeace ha messo in pericolo la vita di chi lavorava sulla piattaforma Gazprom. Vladimir Tchuprov, direttore del programma Artico di Greenpeace Russia, ha risposto che «Le azioni dei militanti di Greenpeace nel Mar di Pecora non possono costituire una minaccia per la vita delle persone che lavorano sulla piattaforma petrolifera Prirazlomnaia. Questa accusa che era stata formulata all’inizio. E’ evidente che le azioni dei militanti ecologisti non possono né perturbare il funzionamento della piattaforma, né costituire una minaccia per la vita del suo personale. Essendo Greenpeace un’organizzazione non violenta, i suoi militanti sono i soli a rischiare la loro salute e la loro vita durante azioni come quella. I militanti di Greenpeace seguono una formazione specializzata prima di prendere parte a manifestazioni di questo genere. Apprendono a comportarsi senza ricorrere alla violenza, ad escludere ogni minaccia ed ad evitare i rischi per gli altri. Questo è il primo principio applicato da Greenpeace durante le sue azioni. L’esperienza dimostra che I militanti ecologisti sono I soli ad esporsi al pericolo. Le operazioni di Greenpeace non hanno mai fatto una sola vittima nel mondo. Le forze dell’ordine non possono non saperlo».

Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia, sottolinea che «Le autorità russe hanno formalizzato l’accusa di vandalismo, senza ancora far decadere quella di pirateria come annunciato, ma la sostanza non cambia: la detenzione dell’equipaggio di Greenpeace e dei giornalisti e il sequestro della nave è del tutto illegittimo. Se l’accusa di pirateria si è rivelata inconsistente, quella di vandalismo oltre ad essere ugualmente assurda, mai comunque avrebbe dato il diritto di abbordare la nave di Greenpeace in acque internazionali».

Intanto l’Olanda ha deciso di portare il caso Russia-Greenpeace davanti al Tribunale internazionale del diritto del mare (Itlos), previsto dalla Convenzione Onu sul Diritto del Mare (Unclos) e la prima udienza è fissata ad Amburgo per il 6 novembre. La Russia, pur avendo sottoscritto l’Unclos, ha detto che non parteciperà al processo e non accetterà le decisioni del Tribunale.

Greenpeace fa notare che «Se la Russia dovesse davvero rifiutare la decisione del Tribunale, il risultato sarebbe una crisi generale del Diritto Internazionale ben oltre i limiti della questione tra Russia e Olanda. Il principio della libera navigazione in acque internazionali, che è alla base del diritto marittimo, sarebbe seriamente compromesso. Dal giorno dopo, infatti, chiunque può inventarsi accuse di pirateria come hanno fatto le autorità russe, abbordare e sequestrare chi vuole e poi rifiutare il giudizio del Tribunale internazionale».

- See more at: http://www.greenreport.it/news/comunicazione/russia-contro-greenpeace-hooliganismo/#sthash.NnWIIQBP.dpuf

ecquologia news official twitter

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS