Igienizzante mani fai da te: facile da realizzare e con ingredienti naturali

Con l’emergenza Coronavirus in corso, trovare mascherine e igienizzanti per le mani è un'impresa, e c'è anche chi approfitta per fare sciacalaggio a prezzi esorbitanti e non sempre sicuri. Per questo riportiamo oggi un'ottima idea di autoproduzione realizzata da Lucia Cuffaro, presidente nazionale del Movimento per la Decrescita Felice e scrittrice di libri sull'autoproduzione, con la dott.ssa Paola Beria, chimica, naturopata, esperta in Fitoterapia, Gemmoterapia, docente presso il Master in Sostanze Organiche Naturali Università “La Sapienza di Roma” e Univ. Pop. Giordano Bruno di Naturopatia. 

Come avverte il Ministero della Salute il lavaggio delle mani ha lo scopo di garantire un’adeguata pulizia e igiene delle mani attraverso una azione meccanica. Per l’igiene delle mani è sufficiente il comune sapone. Solo in assenza di acqua e sapone si può ricorrere ai cosiddetti igienizzanti per le mani (hand sanitizers), a base alcolica. Si ricorda che una corretta igiene delle mani richiede non meno di 40-60 secondi se si è optato per il lavaggio con acqua e sapone e non meno di 30-40 secondi se invece si è optato per l’uso di igienizzanti a base alcolica. In commercio esistono presidi medico-chirurgici e biocidi autorizzati con azione battericida, ma bisogna fare attenzione a non abusarne. L’uso prolungato potrebbe favorire nei batteri lo sviluppo di resistenze nei confronti di questi prodotti, aumentando il rischio di infezioni.

Possiamo quindi autoprodurre un igienizzante mani fai da te di facile realizzazione e con ingredienti naturali e sicuri.

Occorrente

40 g di gel d’aloe vera liquido (4 cucchiai circa)

50 g di alcool etilico a 96° alimentare (6 cucchiai circa)

6 gocce di olio essenziale di origano

flacone dosatore

Preparazione dell’igienizzante mani

Amalgamiamo 40 g di gel d’aloe vera liquido (4 cucchiai circa) con 50 g di alcool etilico a 96° alimentare (6 cucchiai circa) e 6 gocce di olio essenziale di Origano, un potente antibatterico naturale, uno dei migliori da impiegare.

Travasiamo il composto in un flacone con dosatore ben pulito e igienizzato.

Entrambi gli ingredienti possono essere acquistati nei negozi biologici e nelle erboristerie. Oppure tramite i Bio Shop online (no Amazon!). L’aloe non può essere preso dalla pianta perché non avrebbe conservazione.

 

Caratteristiche dell’olio essenziale di origano (Origanum compactum)

Ottenuto per: distillazione della pianta in fiore.

Profilo biochimico caratterizzante: fenoli (carvacrolo 45%, timolo 20%).

Proprietà: antisettico, lipolitico, antimicotico, parassiticida, antivirale, antibatterico, tonico.

Avvertenze e controindicazioni: non usare in gravidanza, allattamento e sotto i 12 anni senza chiedere al medico o all’erborista o naturopata di fiducia. Impiegare sempre a basse concentrazioni. Cautela in soggetti epilettici. La soluzione non va ingerita, deve essere conservata fuori dalla portata dei bambini ed è infiammabile: una volta pronta, etichettate la soluzione indicando la data di preparazione e gli ingredienti. L’uso prolungato potrebbe favorire nei batteri lo sviluppo di resistenze nei confronti di questi prodotti, aumentando il rischio di infezioni. Sempre comunque chiedere anche al proprio medico di fiducia un consiglio sull’utilizzo e sul dosaggio, soprattutto nel caso di bambini e pelli delicate.

LINK Articolo su autoproduciamo.it

 

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS