Stati Uniti - in Michigan allo studio un parabrezza fotovoltaico ultratrasparente

Nel prossimo futuro le superfici vetrate saranno silenziosi luoghi di produzione di energia solare. La ricerca di un team della facoltà di ingegneria della Michigan State University, ha infatti dato vita al "transparent luminescent solar concentrator", una pellicola trasparente da applicare sui cristalli di palazzi, smartphone e persino su parabrezza e superfici vetrate delle autovetture.

 

Massima visibilità. Il sistema consente di mantenere la massima visibilità, superando così i problemi avuti in procedenza con ricerche simili, che avevano dato vita a colorazioni evidenti dei vetri e a livelli molto bassi di energia. Le molecole organiche del nuovo sistema possono inviare energia alle piccole celle fotovoltaiche presenti nel materiali, lavorando su tipologie di luce non visibile all'occhio umano.

TLSC del Michigan ha attualmente un rendimento di circa l'1%, ma pensano chepotra salire sino al 5%. I Concentratori non trasparenti luminescenti (che bagnano la stanza in luce colorata) max fuori a circa il 7%. Da soli questi non sono numeri enormi, ma su una scala più ampia - ogni finestra in un blocco di casa o in ufficio - i numeri si sommano rapidamente. Allo stesso modo, mentre stiamo probabilmente parlando di una tecnologia in grado di mantenere il vostro smartphone o tablet in esecuzione a tempo indeterminato, in sostituzione display del dispositivo con un TLSC potrebbe netto che qualche minuti o ore di utilizzo su una singola carica della batteria.

I ricercatori sono convinti che la tecnologia può essere scalato tutta la strada da grandi applicazioni industriali e commerciali, fino a dispositivi di consumo, pur rimanendo "abbordabile."


 

I sali organici assorbono UV e infrarossi, ed emettono infrarossi - processi che avvengono al di fuori dello spettro visibile, in modo che appaia trasparente.


FONTE | Maxtech

 

Seguici su:

facebook ecquologia official page

ecquologia news official twitter

 


BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS