Come partecipare alle sessioni in streaming di Ecofuturo 2020

 

Ecofuturo Rinasce dal vivo e come sempre in streaming: iscriviti alle sessioni e avrai tutti gli atti e le presentazioni

LINK DIRETTE STREAMING - CLICCA QUI

Iscriviti alle sessioni Ecofuturo 2020

30 sessioni con cui aggiornarsi sulle ECO innovazioni in 5 giorni di festival

Eco-innovazioni in tutti i campi e in quello della finanza democratica e partecipativa del crowdfunding organizzato da Andrea Grigoletto del Fenice Green Energy Park, che ospita il festival anche dal vivo sotto un tendone all’aperto raffrescato anch’esso con una eco-tecnologia.

Da 6 anni con 7 edizioni del festival inventato dal cervello ribollente di Jacopo Fo, e tenutosi ad Alcatraz in Umbria le prime due edizioni, Ecofuturo ha puntato sull'online e dirette streaming crescendo fino a diventare di gran lunga la manifestazione eco più seguita a livello internazionale.

La scelta di luglio come mese del festival è sempre stata per favorire la partecipazione da casa per la gran massa del pubblico, offrendo comunque un luogo in cui dare identità e radici alle idee espresse.

Dall’inizio della pandemia e durante tutto il lockdown siamo stati in diretta streaming grazie all’impegno di Sergio Ferraris direttore di Qualenergia e Caporedattore di Ecofuturo Magazine, raggiungendo oltre mezzo milione di persone. Ma da quando ci è stato consentito di muoverci di nuovo abbiamo deciso di rifare, tra le primissime manifestazioni in assoluto, l’edizione dal vivo in uno spazio all’aperto con maxi schermo per consentire a chi interverrà da remoto di essere visto benissimo dalla platea come chi interverrà di persona.

In più abbiamo deciso di consentire un livello di partecipazione in più per chi ci segue da casa: ovvero la possibilità di intervenire con domande e interlocuzioni a tutti coloro che si registreranno ad una o più sessioni.

La partecipazione è gratuita e chi viene al festival avrà la borraccia di Ecofuturo per rifornirsi ogni giorno di acqua naturizzata dal fontanello installato nel tendone sala: la manifestazione è rigorosamente plastic free.

Il tendone sarà raffrescato con i ventilatori adiabatici e saranno garantite le distanze di sicurezza. Ogni giorno realizzeremo a cura di Alfredo Albiani e di altri maestri un seminario di taijchi per imparare a recuperare il proprio corpo e migliorare la respirazione, che è il punto debole aggredito dal Covid.

Saranno esposte le opere della mostra internazionale di Poesia visiva promossa da Serse Luigetti e saranno esposte le opere dell’ingegno ecologista, dalla macchina elettrica del conte Carli del 1890 fino al motorino a biometano passando per veicoli elettrici, pompe di calore e le varie tecnologie per accedere all'eco bonus. Eolico e fotovoltaico, biometano e geotermia, case in legno e legno e canapa, orti bioattivi, il Totem cogenerativo, le wall box oltre a abiti bio. E a proposito del bio tutte le cene e gli aperitivi oltre al vino saranno rigorosamente biologici.

Insomma venire al festival significherà poter incontrare di persona i protagonisti e godere di un luogo in cui si sente il fluire delle idee che verranno discusse nelle sessioni e nelle serate.

Le serate di incontro saranno animate da Luca Mercalli, Maurizio Melis, Massimo Cirri, Licia Colò e Jacopo Fo con le incursioni di Stefano Zago, Piero Formica ed ovviamente chi vi scrive maramaldeggerà in lungo e in largo (più in largo per colpa del lock down e della fame atavica). Il tutto curato dal grande Michele Dotti (uno dei tre Moschettieri insieme a me e a Jacopo Fo), Elena Pagliai e dal regista del festival Sergio Ferraris.

Le sessioni e le serate avranno l’onore di avere di persona o in diretta streaming molti personaggi politici importanti, tutte e tutti con un grande cuore ecologista, tra cui spiccano molte donne come Tiziana Beghin capo delegazione 5 stelle al parlamento Europeo, Loredana De Petris capogruppo misto al Senato e storica esponente dei verdi oggi in Liberi e Uguali, poi Patty L'Abbate economista ecologica oltre che Senatrice che ha appena pubblicato un libro imperdibile, e non può mancare anche la Vice presidente dell’Emilia Romagna Elly Schlein Ecofuturista della prima ora.

La parte maschile è aperta dal grande amico da sempre Gianni Girotto presidente della commissione Industria del Senato che ci ha insegnato le dirette Facebook e molto altro con la sua formazione incessante e profonda. Assieme a lui aprirà il festival Tony Trevisi Consigliere Regionale Pugliese 5 stelle che ha ispirato il reddito energetico e l'eco bonus .

La presenza istituzionale, oltre a Gianni Girotto, sarà aperta dal sottosegretario Riccardo Fraccaro che rimarrà nella storia del nostro paese per l’Ecobonus 110 e speriamo per molto altro, il Vicepresidente del Parlamento Europeo Fabio Castaldo, il sottosegretario alla pubblica istruzione Peppe De Cristofaro, il presidente della Commissione Sanità del Senato Stefano Collina e il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa che già ci ha ospitato al Ministero ad Ottobre.

Quella che si dipanerà ogni giorno è una vera e propria Università delle speranze concrete con imprenditori e tecnici delle aziende sponsor e di tutti coloro, docenti e ricercatori, appassionati e innovatori, esponenti delle associazioni che invece di ripetere i mantra vengono a misurarsi a confrontarsi, a insegnare e ad imparare. Gli innovatori ed i creativi sono di casa ad Ecofuturo purché presentino soluzioni, non per stupire, ma per risolvere davvero i problemi immensi di questa nostra terra e umanità.

Venite o seguiteci con attenzione, superate magari termini ostici che però dovranno diventare per tutti facili da usare altrimenti proseguiremo a presentare i pannelli a metano come qualche cretinetti di alto bordo ha ultimamente fatto.

Promessa di Scout (dato che l’area della Fenice Green Energy Park che ci ospita è stata riportata alla libera fruizione dei Padovani e di tutti grazie all’impegno dei Boy Scout):

“CHI SEGUE ECOFUTURO MIGLIORA LA PROPRIA VITA, SMETTE DI INQUINARE, CREA LAVORO E RIDUCE I PROPRI COSTI”.

Vi aspettiamo!

Fabio Roggiolani

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS