RINVIATO!!! "Il Green New Deal e la burocrazia delle energie rinnovabili": Il Convegno di Ecofuturo il 28/2 ad Abbadia S.Salvatore

Il Convegno è rinviato a data da definire

 

La lentezza delle autorizzazioni per nuove installazioni di energie rinnovabili o di efficienza energetica in Italia è pari a 5 volte la media europea. Un ritardo che si trasforma in un costo degli impianti superiore del 30% sempre rispetto ai costi generali europei, quando non determina il totale abbandono di progetti od interi settori, come avvenuto recentemente per il solare termodinamico nel nostro paese. 

    #buonageotermia ""Il Green New Deal e la burocrazia delle energie rinnovabili": Il Convegno di Ecofuturo il 28/2 ad Abbadia S.Salvatore" Click to Tweet

Con queste tempistiche è ad oggi impossibile per l'Italia raggiungere gli obiettivi del Piano Nazionale Energia e Clima (PNIEC) al 2030 con il danno ambientale e la perdita di ingentissimi finanziamenti europei. L'esito negativo della partecipazione alla prima asta per impianti rinnovabili è il segno di questa tragedia incombente.

Le responsabilità di tutto questo sono suddivise tra la storica burocrazia italiana a cui dai governi sono arrivati input ad ostacolare e non a favorire le energie rinnovabili, l'invasione di campo delle sovraintendenze le quali, del tutto incompetenti in materia, in nome del paesaggio immutabile, bocciano a raffica ogni tipo di impianti, da quelli fotovoltaici da 3 kW nei centri urbani fino ad ogni tipologia di centrale, anche di modeste dimensioni. 

In ultimo l'azione di sedicenti "ambientalisti" che noi da tempo chiamiamo "annientalisti" oramai scatenati contro qualsiasi mutamento della fotografia dei propri luoghi, costruiscono l'alibi perfetto per i primi due soggetti citati. Rompere questo corto circuito e farlo in maniera positiva è la priorità assoluta affinché si possa vincere la sfida dei cambiamenti climatici anche nel nostro paese. Mai come in questo momento le supposte buone intenzioni sono il lastricato perfetto della via dell'inferno. 

Il convegno quindi, oltre ad un aggiornamento su tette le innovazioni ad impatto zero per fare della geotermia il grande attore del futuro rinnovabile mondiale, mette a confronto le figure più rilevanti del mondo rinnovabile italiano per affrontare questa questione.

 

Questo il nutrito programma del convegno:

 

Il Green New Deal e la burocrazia delle energie rinnovabili

Venerdì 28 febbraio 2020 ore 10:00

Cinema Teatro Amiata – Via Matteotti 8 Abbadia San Salvatore

 

Modera il convegno Marco Gasperetti, giornalista del Corriere della Sera 

 

Saluto del Sindaco di Abbadia San Salvatore Fabrizio Tondi

 

10:00 Introduzione al Convegno

  • Giuliano Gabbani (UniFI- Giga – Ecofuturo)
  • Giuseppe De Natale (INGV – Osservatorio Vesuviano)

 

10:30 I nuovi progetti geotermici a ciclo chiuso

  • Il nuovo progetto Centrale ciclo binario nell’area industriale di Abbadia San Salvatore - Aurelio Cupelli (Rete Geotermica)
  • Gli impianti a ciclo binario made in Italy e leader nel mondo - Marco Baresi (Turboden, V.Presidente EGEC)
  • La nuova tecnologia geotermica zero emission “Eavor Loop” – Wouter Kool (Eavor Technologies Europe)
  • I teleriscaldamenti geotermici - Alessandro Murratzu (Idrogeo)
  • Le opportunità della geotermia a bassa entalpia – Giacono Biserni (Studio Ecogeo)
  • La microgeotermia e gli scambiatori in pozzo - Laura Vanoli (Università Parthenope Napoli)
  • Prospettive della Geotermia per la generazione elettrica e il caso italiano Franco Donatini (Univ. Pisa)

 

Interventi e domande del pubblico

 

12:30 Tavola rotonda “gli iter infiniti paralizzano le rinnovabili: come accelerare?” coordinata da Livio de Santoli – Prorettore Università La Sapienza Roma, partecipano:

  • Fabio Roggiolani (Giga-Ecofuturo)
  • Paolo Picco (Federidroelettrica)
  • Attilio Piattelli (Italia Solare)
  • Andrea Zaghi (Elettricità Futura)
  • Gianluigi Angelantoni (solare termodinamico)

13:30 Conclusioni a cura del Senatore Gianni Girotto (Presidente Commissione Industria del Senato)

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS