COVID-19. Cina: iniziano i test clinici per 2 vaccini

 

L'Agenzia stampa “Nuova Cina - Xinhua”, la principale agenzia di stampa della Repubblica Popolare Cinese, ha comunicato l'avvio dei test clinici per 2 vaccini COVID-19.

PECHINO, 14 aprile (Xinhua) - La Cina ha approvato due vaccini inattivati (ovvero prodotti utilizzando virus o batteri uccisi tramite esposizione al calore oppure con sostanze chimiche) COVID-19 per studi clinici, secondo il meccanismo congiunto di prevenzione e controllo deciso dal Consiglio di Stato. I due candidati al vaccino sono stati sviluppati dal Wuhan Institute of Biological Products, affiliato al gruppo statale China National Pharmaceutical Group, e dal gruppo di Pechino Sinovach Research and Development.

Utilizzando microrganismi patogeni uccisi per migliorare l'immunogenicità, i vaccini inattivati presentano molti vantaggi, grazie a un processo di produzione maturo, standard di qualità controllabili e un'ampia gamma di protezione. Possono essere utilizzati per la vaccinazione su larga scala e la loro sicurezza ed efficacia possono essere valutate con standard riconosciuti a livello internazionale. I vaccini inattivati sono già stati ampiamente utilizzati per combattere l'epatite A, l'influenza, l'afta epizootica e la poliomielite.

Secondo fonti del Sinopharm, la società ha stanziato un miliardo di yuan (circa 142 milioni di dollari USA) per la ricerca e lo sviluppo di vaccini con due approcci tecnologici: oltre al vaccino inattivato approvato, la società sta lavorando anche ad un altro vaccino inattivato e ad un vaccino tramite ingegneria genetica.

Attingendo alla precedente esperienza nella ricerca e sviluppo di vaccini SARS, il gruppo Sinovac ha mantenuto una stretta collaborazione con molte istituzioni, tra cui il Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie dello Zhejiang e l'Istituto di scienze degli animali da laboratorio presso l'Accademia cinese delle scienze mediche. Il vaccino inattivato di Sinovac ha già mostrato una buona reazione di neutralizzazione incrociata a diversi ceppi COVID-19 in patria e all'estero.

La National Medical Products Administration ha anche accelerato le procedure di approvazione per i vaccini COVID-19 sulla base della loro sicurezza ed efficacia. La Cina adotta cinque approcci tecnologici per lo sviluppo di vaccini COVID-19, inclusi vaccini inattivati, vaccini proteici ricombinanti, vaccini vettoriali adenovirus, vaccini con acido nucleico e vaccini che utilizzano virus dell'influenza attenuati come vettori.

Fonte notizia: xinhuanet.com

A questo link un breve approfondimento da parte di Patty Durath Cooper, giornalista, consulente aziendale, esperta in chimica farmaceutica VIDEO

 A questo link analisi de “A Phase II Clinical Trial to Evaluate the Recombinant Novel Coronavirus Vaccine (Adenovirus Vector) (CTII-nCoV)

Foto: membri del personale parlano a fianco dell'area di cultura/inattivazione del virus di un impianto di produzione di vaccini del China National Pharmaceutical Group (Sinopharm) a Pechino, 10 aprile 2020.

 

Duccio Braccaloni, Redazione Ecquologia

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS