Riparte la petizione per liberare le rinnovabili

Riparte la petizione per liberare le rinnovabili, ovvero quante sono "poche settimane"?

L'assemblea del Senato della Repubblica Italiana è stata teatro della ennesima sceneggiata del governo filorinnovabili, anzi no forse ma intanto però noi ci impegniamo per un'altra volta.

#ripartelapetizione "Riparte la petizione per liberare le rinnovabili" Click to Tweet    

In aula vi erano le volontà politiche e i numeri per rendere finalmente libere le energie rinnovabili di essere scambiate e vendute nei sistemi di distribuzione chiusi ovvero in tutte le reti private oltre la rete di distribuzione nazionale.

La convinzione diffusa era che fosse giusto, anzi no, sacrosanto e la grande adesione alla petizione con una valutazione favorevole plebiscitaria da parte di tutti coloro che hanno compreso il problema, ha contribuito a formare un fronte vasto ma..........le logiche del voto di fiducia hanno reso tutto questo inutile e ogni buona idea che era stata proposta in aula, spazzata via dalla richiesta di approvare o bocciare l'intero ddl concorrenza.

Il relatore Sen Tommaselli cita la petizione e l'impegno del Sen. Gianni Girotto per ribadire che lui vuole questo cambiamento e il governo con lui e ci assicura che "entro poche settimane" sarà varato un provvedimento specifico che tratterà la materia e darà le risposte positive attese.

Sono le stesse parole usate un anno fa dopo l'approvazione di una mozione sullo stesso tema e dopo un anno la stessa sceneggiatura si ripete.

Come fare a crederci non so e infatti personalmente non ci credo ma ogni settimana che passerà farò finta di crederci e  da oggi ricorderò che ne è passata un'altra al Sen. Tommaselli che ci ha messo la faccia e al Governo che lo ha promesso.

Ricorderò che potremmo far risparmiare milioni di nostri concittadini, che potremo avere reti più sicure e moltiplicare i produttori di energie rinnovabili, che potremmo dare le rinnovabili elettriche anche a chi non ha la casa di proprietà.

Ricorderò che potremmo crearci decine di migliaia di posti di lavoro tutti in aziende del nostro paese, dato che gli accumuli rinnovabili sono una tecnologia su cui eccelliamo e che vendiamo in tutto il mondo.

Ricorderò che nel mondo c'è Trump che straccia gli accordi sul clima con gesto plateale e ci sono i trumpini di casa nostra che di foglio in foglio, di leggina in leggina, di divieto in divieto, vanno a omaggiare Obama ma nel concreto si comportano come il suo più acerrimo nemico.

 

Ecco il nuovo testo e la ripartenza della petizione

change.org/energielibere

vedi anche articolo Qualenergia "Le proposte per spingere autoproduzione e distribuzione locale di energia da fonti rinnovabili"

Scarica il documento congiunto FREE-Legambiente "LIBERIAMO IN ITALIA L’AUTOPRODUZIONE DA ENERGIE PULITE"

Fabio Roggiolani - Vice Presidente Giga-FREE, coorganizzatore Ecofuturo Festival

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS