Monsanto: abbiamo VINTO!!!

Una grande vittoria quella ottenuta in sede giudiziaria da Avaaz, organizzazione che si mobilita in campagne urgenti per rispondere alle crisi in corso nelle varie parti del pianeta, contro il gigante della chimica in agricoltura Monsanto. Un tema cruciale quello della completa rivisitazione del modello agricolo mondiale con la riscoperta del biologico alla luce di pratiche colturali nuove, ampiamente trattate anche nella edizone 2018 di Ecofuturo Festival, tra le quali alcune praticabile da ogni cittadino in luoghi anche non necessariamente rurali, come quella dell'Orto Bioattivo, che sarà protagonista con un servizio alla ripresa autunnale della trasmissione Geo&Geo di lunedì 10 settembre prossimo. 

   #monsanto #avaaz "Monsanto: abbiamo VINTO!!!" Click to Tweet  

Cari avaaziani, 

La nostra udienza è appena finita e il giudice ha completamente DISTRUTTO l'ordine di esibizione di Monsanto contro Avaaz!!! 

Ha detto che quelle richieste avrebbero avuto un "effetto tremendo e agghiacciante", che "nessuno vorrebbe vedere violate la sua attività e la sua privacy" e ha addirittura dato a Monsanto una lezione su democrazia e libertà di parola

A quel punto è partito un applauso spontaneo dai membri di Avaaz presenti in aula. La reazione a caldo del direttore di Avaaz Iain Keith, appena fuori dal tribunale in questo video Facebook

Quest'ordine di esibizione era mostruoso: ci avrebbe obbligato a spendere mesi e centinaia di migliaia di euro per cercare e consegnare a Monsanto ogni cosa che chiunque del nostro team abbia mai scritto o detto su di loro. Compresi gli indirizzi e i nomi dei nostri membri che abbiano mandato messaggi su Monsanto a politici e istituzioni! 

E la cosa peggiore era che i tribunali di New York tendono ad APPROVARE AUTOMATICAMENTE richieste come questa, perché di solito più informazioni significano più giustizia. 

Ma poi la nostra comunità è intervenuta. Oltre 200mila di noi hanno donato e abbiamo potuto ingaggiare il miglior avvocato in materia: Andrew Celli, che aveva già affrontato e vinto casi simili. Lui e il suo team hanno lavorato con Avaaz e preparato una difesa perfetta, inattaccabile. È lunga, scritta in "legalese", e in inglese, ma è davvero un capolavoro: se ti interessa, la trovi qui

Monsanto ha mandato uno dei suoi avvocati migliori, uno che ha difeso di tutto, dall'amianto al piombo all'arsenico. Ma con le nostre note da una parte e una bellissima arringa dall'altra, abbiamo convinto il giudice, che ha preso la decisione RARISSIMA di rigettare l'INTERO ordine di esibizione. Normalmente al massimo limitano le richieste a qualcosa di più ragionevole, ma nelle pretese di Monsanto contro Avaaz la corte non ha trovato niente di ragionevole

È un momento da festeggiare, ma potrebbe non essere finita

Monsanto può ancora fare ricorso, o attaccarci in qualche altro modo. Ma ora abbiamo questa grande vittoria, questo precedente, un grande team legale e, come sempre, un'incredibile comunità sempre pronta a far sentire la propria voce e a tenere testa al potente di turno. 

L'obiettivo di questi attacchi legali è spaventarci. E mi viene da piangere di gioia pensando che grazie a questa fantastica comunità non ho davvero niente da temere da roba di questo tipo. Perché nemmeno le multinazionali più potenti del mondo sono più forti della verità, della brava gente che lavora assieme per proteggere tutto ciò che ama, della forza di tutti noi che rendiamo possibile questo incredibile movimento. 

Con immensa gratitudine,
Ricken e tutto il team di Avaaz 

PS: un altro incredibile esempio di cosa può fare questo movimento: un membro di Avaaz, dopo aver letto dell'attacco di Monsanto, ci ha scritto suggerendoci di chiedere a Bayer, che sta acquistando Monsanto, di fermarli. Ma non si è fermato lì: ha poi scritto direttamente a me e all'Amministratore Delegato di Bayer, che l'ha chiamato personalmente dopo poche ore dicendo che mi avrebbe parlato volentieri! Quindi, ci sentiamo lunedì mattina. Non ho idea di cosa ne uscirà, ma è un altro esempio delle cose assurde e bellissime che succedono grazie a questa comunità di cui facciamo parte. Grazie a tutte e tutti per quello che siete. 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS