Stazioni di ricarica e seconda vita delle batterie: ecco il progetto francese Eco2Charge

logo-eco2chargeNello strategico settore dei sistemi di accumulo, un elemento di grande interesse è indubbiamente costituito dalla possibilità di riutilizzo delle batterie automobilistiche per le applicazioni stazionarie, viste anche le diverse e meno stressanti modalità di funzionamento di queste ultime, specificatamente per certe tipologie di batterie.


 

 

Un tema che avevo affrontato alcuni mesi fa nel postBatterie la litio e seconda vita: uno studio specifico ed anche un impianto pilota sul tema“, nel quale avevo affrontato la possibilità di seconda utilizzazione per le batterie al litio montate sulle nuove auto. Sul questa falsariga si inserisce anche il progetto franceseEco2Charge” (link sito), che ha preso vita da un consorzio di aziende francesi guidato da Bouygues ha di recente sviluppato un sistema di ricarica per i veicoli elettrici, basato sul riutilizzo delle batterie usate provenienti dagli stessi veicoli elettrici.

Si tratta di un progetto costato 13 milioni di euro, ed che vede la possibilità di riassemblaggio di batterie che hanno perso tra il 20% e il 25% della loro capacita’ di ricarica e quindi non più idonee all’utilizzo automobilistico, ma ancora pienamente funzionali all’accumulo di elettricità per postazioni di ricarica. Il progetto ha visto due poli di test nei due impianti di Bouygues e Renault. Secondo Thomas Orsiniresponsabile del settore auto elettriche di Renault, “si tratta di una forma di stoccaggio molto economica, dato che il costo delle batterie viene già coperto in partenza dal loro utilizzo nel veicolo”.

Il prodotto del progetto, sarà rivolto a strutture come uffici, parcheggi o atenei e si presenterà in forma altamente modulare, molto simile a mattoncini lego, in maniera da poter ospitare da una decina ad oltre un centinaio di connessioni. Il consorzio sta adesso lavorando a una versione ‘extralarge’ di Eco2Charge, costituita da cinquanta batterie riciclate, da utilizzare come sistema di stoccaggio in centrali eoliche e fotovoltaiche. Si tratta indubbiamente di un piccolo ma significativo tassello nelle logiche di smart grid diffuse su vasta scala, anello di congiunzione fondamentale di integrazione tra veicoli elettrici, ricarica degli stessi e l’accumulo energetico stazionario nell’edilizia civile. Una integrazione che, per esempio, non è sfuggita all’attenzione di altre case automobilistiche come Nissan ed altre azioni progettuali interessanti (vedi post “Auto elettrica ed integrazione e sinergia con le reti elettriche: passaggio fondamentale con qualche riferimento storico“).

image

Un progetto con un ventaglio molto composito di partner, quello del progetto Eco2charge che vedrà la sua piena attuazione nel 2016 e che vede tra i capofila Renault, capaci di coprire competenze molto variegate per la mobilità elettrica come Actility, Alstom, Bouygues Energie & Services, CEA, Embix, Nexans, University of Versailles Saint-Quentin-en-Yvelines. La soluzione gestionale predisposta, permette l’installazione di stazioni di ricarica idonee a ricaricare i veicoli in momenti diversi della giornata, in funzione dele esigenze degli utenti (orari di arrivo e partenza, livello del carico in arrivo e il livello inizialmente richiesto a seconda delle percorrenze, ecc.), e coerente con la gestione energetica complessiva del sito (produzione e consumo di energia).

Un sistema di ricarica intelligente dotato di un sistema di controllo centralizzato, capace di garantire l’ottimizzazione energetica globale del sito completa di sistemi di stoccaggio di energia locale riutilizzando le stesse batterie EV dopo il loro uso nei veicoli elettrici dando loro una “seconda vita”  con un uso stazionario di accumulo fornendo benefici ambientali attraverso l’estensione temporale dell’impiego delle batterie prima di riciclarle.
Un progetto davvero interessante, importante nel segno di un sistema integrato capace di inserire la mobilità, con gli stili di vita e gli aspetti socio-culturali.

A seguire un video di presentazione sul progetto Eco2Charge

Sauro Secci

Seguici su:

facebook ecquologia official page

ecquologia news official twitter

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS