Mobilità sostenibile urbana: arriva il ranking mondiale

A fare il punto sullo stato di implementazione di sistemi di mobilità sostenibile in ambito urbano arriva lo studio "Sustainable Cities Mobility Index 2017", redatto dal Centre for Economics and Business Research (Cebr) per Arcadis e dedicato alla mobilità sostenibile nel mondo, il quale ha analizzato i modelli di trasporto urbano di 100  città nel mondo.

‪#ecomobilità #limpidh2o "Dai Dragaggi agli Ecodragaggi il 10/11 a Ecomondo" Click to Tweet   

Nel report, scaricabile in calce al post, è stata redatta la classifica di 100 grandi città a livello mondiale, valutandone l'offerta di trasporto pubblico e gestione dei sistemi di mobilità, attraverso essenzialmente tre principali fattori:

  • il fattore sociale (es. accesso ai servizi, trasporto intermodale passeggeri);
  • il fattore ambientale (es. inquinamento atmosferico, piste ciclabili);
  • il fattore economico (es. finanza pubblica, efficienza delle reti stradali).

Nello specifico Arcadis chiarisce come, pur non esistendo una ricetta magica per la determinazione di una mobilità urbana sostenibile in grado di affermarsi, chi si è collocato nei vertici della classifica è stato in grado di trovare un quasi perfetto equilibrio tra i tre principali fattori sopraelencati.
Andando ai contenuti del nuovo rapporto ad incarnare al meglio il miglior modello di mobilità sostenibile nel mondo è la metropoli di Hong Kong, che si colloca la primo posto anche nella sub categoria del fattore sociale. Hong Kong, nonostante il suo sviluppo verticale che la rende una delle città più densamente popolate del pianeta con 7,3 milioni di abitanti, con spazi limitati e traffici transfrontalieri in continua crescita, riesce ad affrontare le sfide quotidiane con un sistema di trasporto unico. Tra le infrastrutture determinanti al successo di Hong Kong la "Mass Transit Railway" (vedi foto di copertina), riconosciuta come uno dei sistemi più efficienti del mondo, l’economicità del trasporto pubblico e le poche auto private circolanti. A penalizzare Hong Kong invece la carenza di aree pedonali e di strutture ciclabili.

Dietro Hong Kong si collocano le europee Zurigo e Parigi, seguite dalla capitale coreana Seoul ed a seguire Praga, Vienna, Londra; Sinfapore, Stoccolma e Francoforte nell'ordine.

 

Importante anche seguire le retrovie della classifica della mobilità sostenibile nel mondo, con nelle ultime posizioni città come Abu Dhabi, Bangkok, Doha, Il Cairo, Kuala Lumpur, Hanoi, Kuwait city, Riad, Amman e Jeddah.

 

Venendo all'Italia, appaiono purtroppo non c'è molto di esaltante, con in classifica solo Roma e Milano, rispettivamente al 40° posto e al 18°, con la capitale in affanno su tutti i fronti e il capoluogo lombardo che invece mostra buoni risultati soprattutto nelle sub-categorie. Tra queste Milano è la prima fra le cento città del ranking mondiale, relativamente alla “rider connectivity”, riuscendo a garantire ai viaggiatori connessioni Wi-Fi e 2g/3g/4g nei tunnel e nelle stazioni della metro e sugli autobus, garantendo una fruibilità costante dei dispositivi mobili.

Scarica il Rapporto "Sustainable Cities Mobility Index 2017" di Cebr e Arcadis

Sauro Secci

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS